sabato 12 dicembre 2015

Italian Jazz Guitarist- Alberto Mandis



Musicista e Pittore  istintivo e creativo,che si alimenta di sensazioni; sa creare etrasferire attraverso l’arte ... Nasce con indole creative,artisticamente  musicista e  studia chitarra. Tuttavia, ha un’altra passione: la pittura. ma in realtà prende tutte e due, in quanto la musica farà sempre e comunque parte della sua Arte: la pittura per lui diverrà sostanzialmente una composizione musicale dove i colori e suoni si corrispondono.

Alberto pittore con al suo attivo mostre personali e rassegne collettive. 
Al 1984 risale la sua prima esposizione personale .
E’ in questo periodo che Alberto inizia a partecipare a vari concorsi di pittura estemporanea e concorsi nazionali.
Sono circa 60 a cui ha partecipato aggiudicandosi primi premi e riconoscimenti.

Partito da una formazione di tipo realistico, attraversa correnti artistiche,quali Rinascimento,Barocco,Impressionismo,Machiaioli,Surrealismo,Informale,Art  on- line ,Digital Art, Action painting ,
le  tecniche pittoriche : Matite,Carboncino,Acquerello, Pittura a Olio ,Pittura Acrilica Aerografia,Decoro,Collage,Murales..
Tecniche  di intaglio ,intarsio e scultura..                                                                             

La musica è innanzitutto una dimensione del tempo, strutturata come organizzazione in sequenza di eventi sonori; ma è anche una dimensione spaziale fatta di emozioni, luoghi, immaginazioni e memorie, la quale completa il nostro incontro dandoci  senso e significato .Quando si improvvisa è bene avere chiarezza espositiva dal punto di vista ritmico, melodico ed armonico, inoltre è necessario riuscire ad avere delle idee da sviluppare durante il solo, creando una storia da esporre con adeguato senso narrativo .Tutto questo fa parte dell’arte musicale di Alberto.

.
Alberto Mandis - chitarra elettrica,acustica,Sinth e tra le varie chitarre, suona anche un particolarissimo strumento, una chitarra synth  o chitarra a fiato, o breath guitarcaratterizzato dal fatto che la forza, l'intensità e le dinamiche sono gestite attraverso l'emissione del fiato del musicista grazie ad un’imboccatura simile a quella di uno strumento a fiato.

Chitarrista ,compositore , arrangiatore , dal suono caldo  corposo e melodico, la sua ricerca verso il “suono”con una particolare affinità elettiva per Pat Metheny . La sua vocazione si estende dal jazz moderno alle più recenti sperimentazioni, tra le sue influenze si possono annoverare, John Scofield ,Pat Metheny,John Abercrombie,Jim Hall,(ma anche rievocando a tratti Rollins,Coltrane e Ornette,)..  

Oltre agli studi scolastici compiuti, essendo cresciuto e maturato nello spirito del jazz-moderno, possiede i presupposti culturali necessari a sospingersi con efficacia sulla difficile strada della ricerca personale .

Ha pubblicato 3 album, con una contaminazione  di generi  diversi (In the Air),( A Long Story),( First Colors).
Ha realizzato progetti e collaborazioni artistiche con  altri musicisti . 

Frequenta giovanissimo numerosi workshop tenuti da chitarristi e musicisti di fama mondiale come,Pat Metheny,Jim Hall,John Abercrombie, Mick Goodrick , John Scofield.Seminario  di musica Jazz  diretto dall’istituzione Statunitense del Columbia College di Chicago sotto la guida del chitarrista del college Frank Dawson e Garrison Fewell, Master Class di Pat Metheny, di Antony Braxton ( Composizione, Improvvisazione),Dan Anderson ( Contrabbasso),Umberto Petrin( Pianoforte) poi con Roscoe Mitchell (Sax), Steve Coleman ( Musica D’insieme), Butch Morris ( Musica D’insieme), Lois Moholo ( Batteria), Daniel Levin ( Violoncello), Matt Noran( Vibrafono), William Parker ( Contrabbasso) ,ed altri … 
Da sottolineare il pieno riconoscimento a concorsi chitarristici  come quello di “Emergenze Chitarre” indetto dalla Playgame per la rivista nazionale Chitarre ,con i brani “ Another Life”,”To Infinity” ,”The Moon” e  “In the Air ” con le recensioni  di  Simone Gianlorenzi.

Tel.0783 990254
Cell.3470005971






Nessun commento: