giovedì 25 gennaio 2018

Suonare in piedi...da seduti!



Ti piace di più suonare in piedi o da seduto

In effetti, sono due cose molto diverse. 

Immagino che anche a te certi brani riescano meglio in un modo piuttosto che nell'altro. 

Nelle due posizioni il corpo partecipa diversamente all'esecuzione musicale, con differente equilibriostabilitàmobilità

Da in piedi il corpo ha la possibilità di muoversi più liberamente e partecipare con il movimento al ritmo e all'espressione della musica. 

Da seduto, una diversa stabilità può essere funzionale alle esecuzioni tecnicamente più impegnative. 

In somma, ogni cosa ha i suoi pro e contro.

Sarebbe bello poter riunire in un unica posizione i vantaggi delle due posizioni, non trovi?

Suonare in piedi... da seduti

suonare seduti... da in piedi


I tre esercizi che ti propongo qui sotto, ti serviranno per imparare a suonare in piedi...da seduto! 

Sono stati studiati da Eric Franklin, un autorità mondiale nell'ambito dell'allenamento ideomotorio.

Servono ad aumentare la forza e la flessibilità da seduti e ti permetteranno di aumentare la tua mobilità durante l'esecuzione musicale, a tutto beneficio del tuo senso ritmico e della tua espressività. 

Esercizi sulla sedia

  1. Da seduti, localizza gli ischi, che si trovano alla base del bacino. Metti le mani sotto ai glutei. Sentirai la pressione delle due ossa che schiacciano le dita in modo tutt'altro che piacevole. Togli le mani e senti se il peso del corpo si distribuisce equamente su tutt'e due queste ossa.
  2. Ora spingi sulla sedia l'ischio destro con maggiore intensità rispetto al sinistro. Immagina di premere sull'argilla (la sedia) e di lasciare un'impronta. rilassa l'ischio destro e comincia a spingere con il sinistro, tenendo presente la stessa immagine. Quale delle due parti ti risulta più semplice spingere sulla sedia? Se noti una differenza è segno di uno squilibrio muscolare. Il nostro obbiettivo è avere una forza muscolare bilanciata nell'area del pavimento pelvico, ciò di cui beneficerà non solo la parte bassa della schiena ma l'intera postura.
  3. Cerca di camminare sulla sedia con gli ischi. Eseguirai meglio l'esercizio usando una sedia con superficie piatta e rigida. Immagina di compiere lo stesso movimento che fai quando cammini con i piedi. Mentre un ischio spinge sulla sedia, l'altro si allunga in avanti (vedi illustrazione). Prova anche a spostarti all'indietro. Tutto ciò è possibile perché l'azione del camminare è guidata in gran parte da un movimento di torsione  della colonna vertebrale  e non solo dal movimento delle gambe.


Immagine tratta da "il corpo e l'energia" di Eric Franklin


Ora goditi il video qui sotto e osserva come si muovono questi due grandi chitarristi e performer, sono certo che ne potrai trarre molto!

Stay in tune!

 Manuel Consigli








Nessun commento: