domenica 15 aprile 2012

Lo studio efficace (parte terza): Il senso di sicurezza


Il senso di sicurezza
Image: dan / FreeDigitalPhotos.net
Il “senso di sicurezza” che devi sviluppare se desideri ottenere il massimo dalle tue sessioni di studio e dalle tue performance riguarda sia l’aspetto corporeo sia quello mentale.

Per quanto riguarda il corpo, identifico il senso di sicurezza con il

grounding, ovvero con la sensazione di radicamento alla terra.

Quanto ti sto dicendo sembra ovvio: come esseri umani siamo soggetti alla forza di gravità, questa è la nostra condizione esistenziale!
Eppure in quella che conosciamo come una legge della natura c’è spazio per la soggettività dei singoli comportamenti.

Pensa alle frasi:

“Quello ha sempre la testa fra le nuvole!”
oppure
“È uno coi piedi per terra!”

Queste frasi di uso comune indicano diversi modi di relazionarsi agli aspetti concreti della vita e in sostanza un diverso grado di radicamento alla terra.

L’uomo per sua natura è legato alla terra e tutto ciò che lo allontana da questo contatto, genera un senso d’insicurezza che si traduce in tensione muscolare ed emotiva.
Vuoi sapere il perché?
È molto semplice:
Perché l’uomo allontanandosi dalla terra ha paura di cadere!

Dalla percezione della forza di gravità il cervello ricava le informazioni per gli aggiustamenti posturali che il nostro corpo mette continuamente in atto durante ogni attività che svolgiamo.

Maggiore è la quantità e la qualità di queste informazioni, migliore sarà la nostra postura, anche mentre suoniamo.

Come fare quindi per migliorare il grounding?

Prima di suonare, porta l’attenzione per qualche secondo sui punti di appoggio.

Le piante dei piedi sul pavimento
Il sedere sulla sedia (se suoni seduto)
L’avambraccio sulla chitarra.

I punti di appoggio sono i luoghi dove è più facile percepire l’azione della forza di gravità.
Lascia che la forza di gravità agisca in quei punti senza opporre alcuna resistenza.
Rilassati un attimo e poi suona!

Puoi lavorare sul grounding in qualunque momento della tua giornata, portando la tua attenzione sui punti di appoggio mentre guidi, quando sei al computer, mentre vai in bici, o ti rilassi sul divano.

Coltiva in ogni occasione il tuo contatto con la terra, quando sarà il momento di suonare questo lavoro darà i suoi frutti!

Continua...


Hai letto qui? area membri


2 commenti:

Tony Bellardi ha detto...

Interessante ! molto ! potrei inserire questo articolo nel nostro sito ? o se è cosa gradita potete inserirlo voi stessi alla voce Inserisci Post ? grazie.

Manuel Consigli ha detto...

Ciao Tony, grazie! Come si chiama il sito?
Manuel